Le Mans 2013

L’edizione 2013 della 24 Ore di Le Mans è stata importante per Lorenzo Casè, il debutto come Rookie e il secondo posto finale nella Categoria AM. Una settimana intensa, tra test, parate, qualifiche e la gara. Il podio è stato il frutto di ottimo lavoro da parte del Team Af Corse e dei compagni di squadra Perazzini e O’Young.

Una gara combattuta fin dal via,  con il tracciato colpito da una leggera perturbazione. Dopo lo Start il serpentone delle vetture è rimasto  bloccato a lungo dopo il primo giro, causa un incidente alla Tertre Rouge, costato la vita a Simonsen. La fase di neutralizzazione è durata a lungo per il ripristino delle barriere. Dopo il restart la Ferrari #55 con O’Young al volante è risalita fino in settima piazza nella categoria AM. Lorenzo è salito per terzo, dopo lo stint di Perazzini e ha mantenuto la seconda posizione dietro la Porsche dei Leader Narac-Bourret-Vernay.

Una lotta che ha visto l’equipaggio #55 mantenere a lungo la prima posizione di classe, poi per un problema tecnico al Pit Stop, la leadership è stata perduta con il distacco di un giro. Niente di tutto ciò ha minato la volontà di Lorenzo e compagni che non hanno mollato un attimo, cercando di recuperare lo svantaggio accumulato. La gara in generale è stata caratterizzata da numerose Safety Car, per permettere al personale di ripristinare le barriere di protezione visto i numerosi contatti. A completare l’opera è intervenuto il meteo che non ha fatto mancare nulla, dalla pioggia al sole, dal tracciato da slick alle wet. Una vera e propria girandola di situazioni, gestite perfettamente da Lorenzo, i compagni di squadra e il Team. (In totale per Lorenzo un singolo, un doppio, e un triplo stint, per poi concludere sotto la bandiera a scacchi). Una gara  dura che ha visto la Ferrari 458 GT2 girare come un orologio, grazie all’assistenza di tutto il Team Af Corse. Il duello con la Porsche era alla pari e la vittoria era ha portata di mano, all’esordio nessuno pensava in un risultato così incredibile, ma del resto anche questo e Le Mans. Per Lorenzo c’è stata anche la gara del Sabato con il Ferrari Challenge Trofeo Pirelli Europa, in coppia con Paolo Scudieri. Risultato soddisfacente, nonostante l’appuntamento saltato a Brno, che lascia a Lorenzo una finestra aperta per il campionato. Il ritardo dall’attuale leader Chukanov è di 29p. e davanti ci sono ancora quattro doppi appuntamenti.

Lorenzo: "Un weekend che non dimenticherò mai, sia per aver debuttato a Le Mans sia per la tragica scomparsa di Simonsen, alla sua famiglia le mie condoglianze. Una settimana molto piena e varia, tra parata, prove di giorno e di notte e poi la gara. E’ stato molto impegnativo, sia a livello mentale che fisico e bisogna essere veramente a posto per una gara del genere. Le Mans, come già pensavo, è La Gara, per tutto quello che offre a livello emozionale, le curve e la gente, l’atmosfera e quant’altro. Del resto Le Mans è Le Mans. Sono soddisfatto della nostra prestazione, un secondo posto al debutto non lo speravo, ero contento già di portarla in fondo. Io e i miei compagni abbiamo "viaggiato" come un orologio, peccato per l’inconveniente tecnico che ha tolto la leadership. Ad un certo punto credevo nella vittoria, ma va bene così. Grazie ad Eppe, Darryl e tutto il Team AF Corse per la splendida avventura, ora si va avanti verso la prossima gara dell’ELMS il 19-20 Luglio al Red Bull Ring in Austria".